Sindrome post vacanze? I nostri 5 consigli per sopravvivere al rientro

September 25, 2018 Javier Iglesias

Con la fine dell’estate si conclude il periodo di vacanza più lungo per la maggior parte dei lavoratori e si ritorna alla solita routine. Ecco perché proprio in questo frangente si rischia di rimanere schiacciati dalla cosiddetta sindrome post vacanze o sindrome da rientro, una terminologia con cui si indica la difficoltà di riprendere la routine lavorativa dopo diverse settimane di relax. Anche nota come post vacation blues, questa sindrome colpisce 1 italiano su 10 al rientro in azienda.

;

Malgrado l’Organizzazione Mondiale della Sanità non la consideri una patologia vera e propria, la realtà sembra andare in tutt’altra direzione: infatti, negli ultimi anni, i consulti psicologici dopo il periodo estivo sono in netto aumento a causa delle difficoltà riscontrate dai dipendenti. Tra i sintomi più comuni si registrano:

;

Fatica
Stress
Tristezza
Irritabilità
Inquietudine
Mancanza di energie
Insonnia
Demotivazione

;

Un altro dato sorprendente che riflette quelle che sono le complicazioni del rientro in ufficio è che in tanti cominciano a pensare seriamente anche alla possibilità di cambiare lavoro proprio al ritorno dalle ferie.

;

Le vacanze, dunque, rivestono un’importanza fondamentale per le persone, non solo per staccare la spina e riposare mente e corpo, ma anche per far sì che il processo di riadattamento alla giornata lavorativa sia proficuo, graduale e le aiuti a mantenere viva la motivazione e il coinvolgimento rispetto ai progetti e alle strategie aziendali.

;

In Cornerstone abbiamo perciò elaborato 5 consigli per facilitare il ritorno al lavoro ed evitare il trauma da rientro. Vediamo insieme quali sono!

;

1. Pianificare il rientro e non rimettersi subito a lavoro: questo è il consiglio principale degli esperti per prendere coscienza del fatto che bisogna rientrare in ufficio. La cosa ideale sarebbe rimanere a casa un paio di giorni prima di ricominciare, per adattare sia la mente sia il corpo agli orari: bilanciare le ore dedicate al riposo e quelle dedicate al lavoro (non fare tardi o alzarsi troppo presto) e riprendere in maniera graduale le routine quotidiane come fare la spesa, fare il bucato o preparare da mangiare.

;

2. Programmare le attività: per evitare di cadere vittime dello stress nel giro di qualche giorno, non c’è cosa migliore di tornare in azienda cercando di organizzare il lavoro e pianificare le attività e i nuovi progetti. Sarebbe perfetto servirsi di un organigramma che permetta agli impiegati di raggiungere quotidianamente gli obiettivi in maniera ordinata, lasciando anche del tempo da dedicare allo svago dopo il lavoro.

;

3. Motivare gli impiegati: questa è una responsabilità diretta dell’azienda nei confronti dei propri collaboratori. Attraverso il loro coinvolgimento in nuovi progetti o in corsi di formazione, le aziende possono aumentare la motivazione del personale con una sorta di particolare «back to school». Un altro metodo potrebbe essere quello di proporre nuove sfide finalizzate a una promozione o un aumento di responsabilità o ancora incoraggiarli a partecipare a programmi di team building per rafforzare lo spirito di gruppo e integrare i nuovi assunti in modo semplice e piacevole.

;

4. Riprendere l’attività fisica: lo sport rappresenta sempre una buona opzione per gestire le emozioni negative trasformandole in positive. Liberando le endorfine, infatti, si crea immediatamente una sensazione di benessere. Dunque, il ritorno dalle vacanze è il momento ideale per riprendere l’esercizio fisico o per iniziare a farlo. Da questo punto di vista, il mese di settembre (così come gennaio) può essere considerato «la gallina dalle uova d’oro» per le palestre, proprio perché le persone sono più motivate a liberarsi dagli eccessi delle vacanze e dallo stress.

;

5. Vedere il lato positivo: è duro per tutti passare dalla spiaggia all’ufficio, per questo bisogna cercare di mantenere un atteggiamento positivo e pensare ai nuovi progetti e alle opportunità lavorative, ma anche all’organizzazione delle prossime vacanze per illudersi che non siano poi così lontane.

;

Mettendo in pratica questi semplici consigli gradualmente, saremo in grado di mantenere la motivazione degli impiegati e di far ripartire l’azienda con una nuova energia!

Informazioni sull'autore

Javier Iglesias

Javier Iglesias is Regional Sales Manager for Cornerstone in Spain. He helps organisations achieve outstanding Talent Management with the Cornerstone technology.

Seguici su Twitter Segui su LinkedIn Altri contenuti di
Articolo precedente
Professione Diversity Manager. Sfida - e business - del futuro
Professione Diversity Manager. Sfida - e business - del futuro

Nell’era della Quarta Rivoluzione Industriale e della trasformazione digitale, il mondo del lavoro cambia e...

Articolo successivo
IFAD spinge sull'acceleratore della formazione con Cornerstone!
IFAD spinge sull'acceleratore della formazione con Cornerstone!

L’epoca che stiamo vivendo è interessata da una monumentale trasformazione del sistema del lavoro, che vede...