Russia 2018: cosa può imparare il mondo delle HR dagli ultimi Mondiali di calcio?

July 13, 2018 Franco Gementi

I Mondiali sono ormai alle battute finali e, come sempre accade ogni quattro anni, anche Russia 2018 ha tenuto folle di tifosi di tutto il mondo incollate allo schermo, riconfermando, semmai ce ne fosse bisogno, che il gioco del calcio non smette di appassionare, nonostante la grande assenza degli Azzurri di quest’anno.

Ma perché parliamo di calcio? Perché aldilà del fatto che l’argomento sia di grande attualità nelle ore che precedono la grande finale tra Francia e Croazia che ci attende domenica, lo sport ha qualcosa da insegnare anche al mondo delle Risorse Umane.

Infatti, secondo noi di Cornerstone OnDemand ci sono lezioni che le HR dovrebbero apprendere dalle partite cui abbiamo assistito sui campi da calcio russi in queste ultime settimane.

Ecco dunque quattro strategie calcistiche che possono essere d’ispirazione per le HR!

Svezia: l’unione fa la forza

Nessuno, prima dei Mondiali, avrebbe scommesso un centesimo sulla Svezia. Prima nel suo girone, ha conquistato i quarti di finale spedendo a casa la Germania. Mettendo il gruppo davanti a tutto, gli svedesi sono riusciti a sorprenderci. E il fatto che la squadra fosse più importante delle individualità è dimostrato dalla mancata convocazione del dio del calcio svedese Zlatan Ibrahimovic.

La collaborazione è una strategia collaudata anche nelle HR: aiutando le persone a raggiungere gli obiettivi insieme e incoraggiandole a lavorare su progetti comuni si ottiene un maggiore coinvolgimento dei propri collaboratori. Nota positiva per lo spirito di squadra, la produttività e il clima aziendale.

Brasile: liberare il talento

I brasiliani sono l’esatto opposto degli svedesi. Nella Seleção tutto sembra girare attorno alla stella Neymar. L’intera squadra è al servizio del suo genio. Ma attenzione, senza il talento e le capacità dei suoi compagni persino Neymar potrebbe fare ben poco. Pensiamo, ad esempio, all’uscita di scena dei due fenomeni Messi e Ronaldo, non supportati a sufficienza dai loro compagni argentini e portoghesi.

In una strategia HR l’approccio del Brasile significa che ogni dipendente ha l’opportunità di sviluppare i propri talenti e di eccellere. Ma anche nel mondo del lavoro questa scelta deve essere portata avanti con saggezza: non tutti possono essere registi, servono anche dei difensori.

Inghilterra: benvenuto cambiamento

Quando l’inglese Dier ha segnato il rigore decisivo contro la Colombia portando la squadra ai quarti, non solo ha liberato l’Inghilterra dall’incubo della “cinica lotteria dei rigori”, ma ha anche dimostrato quanto si sbagliano tutti quegli esperti di calcio che credono che i rigori non possano essere allenati. Southgate, il CT inglese che agli Europei del 1996 sbagliò il rigore che causò l’eliminazione dell’Inghilterra, ha dedicato particolare attenzione alla preparazione ai rigori, aspetti psicologici compresi. Southgate è anche noto per fare largo uso dell’analisi dei dati per migliorare il gioco della squadra.

Cosa possono imparare le HR da questa lezione? A non rimanere intrappolate in schemi e strutture obsolete e a continuare a guardarsi attorno. Sperimentare nuovi punti di vista o provare nuove tecnologie può portare innovazione e avere talvolta un effetto catartico.

Belgio: uso ottimale dei talenti a disposizione

Il calcio migliore in questo Mondiale è quello giocato dal Belgio. Coach Martinez ha esaminato con attenzione il materiale umano a disposizione giungendo alla conclusione che la forza del Belgio è principalmente nell’attacco. Ha quindi impostato un divertente gioco d’attacco… e se talvolta alla squadra tocca subire qualche gol è normale amministrazione.

Ecco una buona strategia anche per i manager HR: ricavare il massimo dal talento dei dipendenti allineando le strategie di business con il loro potenziale. Questa è la chiave per consentire alle aziende e alle persone di crescere insieme e ottenere dei buoni risultati.

Informazioni sull'autore

Franco Gementi

Franco has deep experience in the Human Resources field, in particular on administrative management processes (in-sourcing and outsourcing) and human resources development, with particular attention to the evaluation of the employee's potential and career development and various aspects related to rewarding policies and training and development. Along the entire evolutionary path, from home made solutions to the current cloud in Human Resources.

Seguici su Twitter Segui su LinkedIn Altri contenuti di
Articolo precedente
Il talento, leva per l'innovazione in azienda. Una ricerca Cornerstone-IDC
Il talento, leva per l'innovazione in azienda. Una ricerca Cornerstone-IDC

Dopo “Azienda del futuro e trasformazione digitale: sfide e opportunità per sprigionare i talenti” (IDC, 20...

Articolo successivo
Addio al vecchio CV! Nell'era della Skill Economy anche il più tradizionale degli strumenti cambia forma
Addio al vecchio CV! Nell'era della Skill Economy anche il più tradizionale degli strumenti cambia forma

Una serie di nuovi strumenti digitali sta facendo il suo ingresso nel mondo del lavoro; molte professioni s...