Performance management: quanto vi preoccupa?

April 27, 2020 Franco Gementi

‘Se ti accetto come sei, ti faccio diventare peggiore; se ti tratto come se tu fossi già quello che sei in grado di diventare, ti aiuto a diventarlo’. Johann Wolfgang von Goethe

Vi siete mai chiesti perché la maggior parte delle persone abbia un sussulto quando un manager li convoca per la performance review? Il Performance Management, in effetti, ha spesso connotazioni negative e questo perché i manager che lavorano su problemi di gestione delle prestazioni si concentrano quasi esclusivamente su individui che non stanno portando i risultati attesi. Troppo spesso capita di sentire che Il Performance Management riguarda le performance al di sotto delle aspettative: in realtà, è molto più di questo.

Cambiare percezione

E se bastasse riformulare e riposizionare il modo in cui il Performance Management viene percepito semplicemente cambiando il linguaggio utilizzato e trasformando la gestione delle performance in un approccio positivo alla gestione delle persone?

Diciamo la verità: tutti vogliamo essere riconosciuti e supportati sul posto di lavoro in modo da poter offrire le nostre migliori prestazioni, ma escludere i migliori performer e concentrarsi solo su quelli che danno prestazioni non sufficienti può essere un grave errore.

Si può fare

Molto spesso i manager di linea trovano oneroso completare i performance task per mancanza di tempo e si concentrano solo sui risultati. Tuttavia, parte del ruolo di un manager è supportare i propri dipendenti nel loro sviluppo, rendendolo il più semplice possibile. Consentendo ai manager di utilizzare tutti gli strumenti di gestione a loro disposizione, essi possono iniziare a comprendere meglio i punti di forza dei dipendenti e le aree che richiedono un miglioramento.

Solo attraverso i performance task si può iniziare davvero a comprendere le capacità, i fattori chiave e le aree di possibile sviluppo del proprio team. Comprendendo il significato che sta dietro le attività dei dipendenti, i manager possono iniziare a vedere davvero il valore di ciò che fanno.

Come Iniziare

Se siete a capo di uno staff, prestate attenzione alle esigenze delle singole persone e iniziate a cambiare il termine Performance Management in modo che venga percepito in maniera positiva. Impegnatevi a creare una cultura che generi feedback e apprendimento; solo così riuscirete a ottenere ottimi risultati. Ecco qualche piccolo suggerimento per iniziare:

•          Effettuate allineamenti con regolarità

•          Fornite chiarezza sulle vostre aspettative

•          Assicuratevi di aver concordato obiettivi che siano intelligenti

•          Discutete di quale miglioramento necessiti il singolo dipendente e create un   piano che soddisfi le esigenze individuali. Ad esempio, prevedendo moduli di nanolearning per i nativi digitali.

•          Fornite dei feedback basati sui comportamenti e sui fatti

•          Comunicate il vostro apprezzamento a chi ha svolto un buon lavoro

Informazioni sull'autore

Franco Gementi

Franco has deep experience in the Human Resources field, in particular on administrative management processes (in-sourcing and outsourcing) and human resources development, with particular attention to the evaluation of the employee's potential and career development and various aspects related to rewarding policies and training and development. Along the entire evolutionary path, from home made solutions to the current cloud in Human Resources.

Seguici su Twitter Segui su LinkedIn Altri contenuti di
Articolo precedente
Pronte A Contribuire
Pronte A Contribuire

Articolo successivo
Miti da sfatare: cosa si intende quando si parla di trasformazione digitale
Miti da sfatare: cosa si intende quando si parla di trasformazione digitale

#CSODBlog | Come affrontare la #digitaltransformation nelle divisioni #HR delle aziende? Ce lo spiega @ffra...