IL BENESSERE SUL POSTO DI LAVORO NON È SOLO UN BENEFIT MA UNA PRECISA STRATEGIA DI BUSINESS

August 30, 2016 Franco Gementi

In media, solo il 20% delle organizzazioni negli Stati Uniti ha attivato un programma di wellness per i propri dipendenti. Se la vostra azienda fa parte del restante 80% potrebbe essere il caso di ripensare la vostra strategia.

;

Secondo un recente studio dell’Health Enhancement Research Organization (HERO), le organizzazioni che hanno investito in “programmi organici di wellness” mostrano non solo una maggiore capacità di trattenere i talenti e di attirarne di nuovi, ma anche performance finanziarie migliori delle S&P 500.  In base allo studio, svolto nell’arco di sei anni, le imprese che hanno messo tra le priorità il benessere dei dipendenti evidenziano un ritorno sull’investimento del 235% contro il 159% delle S&P 500. Anche se non siete ancora pronti all’introduzione di un piano organico di wellness, ci sono alcuni passi che possono essere intrapresi per iniziare il percorso che porterà a fare del wellness un elemento cardine per migliorare sia la salute dei dipendenti sia i risultati economici.

;

1) L’attenzione per la salute è un cambiamento culturale, non un programma

;

Un programma è per definizione un “piano di azione per raggiungere uno specifico fine”. Il benessere dei dipendenti è un percorso in continua evoluzione, senza una data di completamento. Ciò richiede una trasformazione nel modo di pensare delle aziende: la salute dei dipendenti va messa al primo posto. Poiché una cultura è il prodotto di un insieme di comportamenti all’interno di una popolazione, per attuare il cambiamento dovrete partire dalle basi. Il risultato sarà una forza lavoro più produttiva, fedele, sana e serena.

;

2) Trasformare l’ambiente di lavoro

;

L’obiettivo sta nell’individuare le aree modificabili dell’ambiente di lavoro in modo da favorire comportamenti più salutari. Pensate al vaso delle caramelle sul banco della reception: sono lì a disposizione e le persone ne afferrano un paio ogni volta che ci passano davanti. Nel momento in cui le caramelle non ci sono più o vengono sostituite da frutta fresca, le abitudini cambiano inevitabilmente. Le persone continueranno a prendere qualcosa da sgranocchiare, ma la scelta sana sarà a portata di mano. Lo stesso vale per il fumo. L’adozione di policy antifumo, secondo uno studio dell’American Heart Association, si sono dimostrate efficaci per aiutare le persone a smettere di fumare.  

;

3) Trattare i dipendenti come clienti

;

Spesso gli uffici HR si concentrano su policy e compliance. Quando si tratta di benessere dei dipendenti occorre qualcosa di più di una semplice email per catturare l’attenzione e ottenere partecipazione. Il messaggio deve essere personalizzato.

;

Pensate ai vostri dipendenti come se fossero dei vostri clienti interni e “vendete” loro la novità di conseguenza. Lavorare direttamente con l’ufficio marketing interno del vostro cliente può essere di grande aiuto per il branding e per creare materiali in grado di convogliare il messaggio in maniera efficace. Costituite un focus group o un “comitato  benessere” per definire un profilo del personale in termine di gruppi di età, funzioni, interessi. Ponete domande quali “chi sono i nostri dipendenti?”, “cosa desiderano?”, “cosa servirebbe per ottenere la loro attenzione?”, “cosa possiamo fare per loro?”.

;

4) Sviluppate un piano di comunicazione

;

Considerate come attualmente la vostra organizzazione comunica con i suoi dipendenti. Se una nuova policy, un regolamento o un aggiornamento deve raggiungere tutti rapidamente, usate lo stesso metodo.

;

Considerate anche l’uso di media alternativi come le infografiche o i video esplicativi: c’è sicuramente qualcuno in azienda che sarebbe felice di farsene carico nel caso in cui l’ufficio marketing non fosse disponibile.  Osservate questo video creato con GoAnimate.com, ci sono volute meno di otto ore, dall’ideazione alle ultime modifiche.

;

5) Cercate il consenso del top management

;

Il percorso a minore resistenza per l’implementazione di un programma di wellness per i dipendenti è decisamente quello di conquistare l’appoggio del top management. Ovviamente, è più facile dirlo che farlo e in molti casi vi troverete, invece, a dover partire dal basso. Ma questo non significa che non si debba provare. Semplicemente ci vuole un po’ di tempo.

;

Iniziate con un singolo dipartimento, divisione o ufficio per volta. Avvertite il vostro staff di dare credito al top management e riceveranno immediatamente un fiume di ringraziamenti: l’approccio top down è fatto. Buona fortuna!

Informazioni sull'autore

Franco Gementi

Franco has deep experience in the Human Resources field, in particular on administrative management processes (in-sourcing and outsourcing) and human resources development, with particular attention to the evaluation of the employee's potential and career development and various aspects related to rewarding policies and training and development. Along the entire evolutionary path, from home made solutions to the current cloud in Human Resources.

Seguici su Twitter Segui su LinkedIn Altri contenuti di
Articolo precedente
Dipendenti più felici, dipendenti più coinvolti
Dipendenti più felici, dipendenti più coinvolti

Nel mondo del lavoro stanno avvenendo molti cambiamenti. A livello fisico, l’importanza della flessibilità ...

Articolo successivo
E’ IL MOMENTO DI RIDEFINIRE IL “PERCHE’” DEL PERFORMANCE MANAGEMENT
E’ IL MOMENTO DI RIDEFINIRE IL “PERCHE’” DEL PERFORMANCE MANAGEMENT

Tutti ne parlano. Molti lo odiano. Quasi tutti pensano che il modo in cui viene fatto debba quanto meno ess...