Cornerstars a support della comunità

Oggi abbiamo iniziato con Vincent Belliveau ripercorrendo la storia di CSOD in EMEA e scoprendo come è passata da 1 a più di 350 persone in 10 anni. Adam Miller ha continuato poi con un racconto sul passato, sul futuro e su come Cornerstone è stata creata per durare”!

L’attività di gruppo del pomeriggio consisteva nel costruire sedie a rotelle, 30 in tutto. Un compito non solo focalizzato sulla collaborazione e il lavoro di gruppo, ma che ci ha dato la possibilità di restituire qualcosa alla comunità dei disabili con seri problemi motori.

A ciascuna squadra sono stati assegnati vari pezzi delle sedie a rotelle ed alcuni attrezzi; la sfida consisteva nel fatto che non avevamo tutti i pezzi necessari – dovevamo risolvere diversi puzzles e compiti che ci avrebbero permesso di barattare pezzi extra al “Negozio delle sedie a rotelle”. Quando completate, abbiamo dovuto portare le nostre sedie a rotelle alla stazione di  “Controllo Sicurezza” per l’ispezione.

Una volta che tutte le nostre sedie a rotelle sono state costruite e testate - e le foto di gruppo fatte- le sedie sono state donate ad una rappresentanza dell'Associazione Pana-ellenica di Paraplegici e alla Società di Sclerosi Multipla che assistono persone con gravi disabilità fisiche e che migliorano la loro qualità della vita dando loro mobilità e la libertà per svolgere le normali attività quotidiane come ad esempio fare la spesa e incontrare amici.

Questo per noi riflette uno dei valori fondamentali di Cornerstone – restituire valore alla comunità. Adam Miller fondò Cornerstone nel 1999 con lo scopo di rendere la formazione accessibile a tutti per aiutarli a realizzare il loro potenziale. 17 anni dopo siamo ancora qui, lavorando tutti insieme  per lo stesso obiettivo.

 

Articolo precedente
Ci piace imparare
Ci piace imparare

Arriva un momento nella vita di ogni Cornerstar in cui ci si pone una domanda: “Cosa diavolo è il Dev Day?”...

Articolo successivo
E tutta una questione di Famiglia !